Riparte il nuovo anno accademico del Cut di Cassino

Il Centro Universitario Teatrale di Cassino riapre i battenti per la nuova stagione artistica 2017/2018. A presentare il programma didattico, la classe docente e i nuovi progetti in cantiere sarà il direttore artistico del Cut Giorgio Mennoia, lunedì 25 settembre alle ore 16 al Teatro Manzoni. L’appuntamento aperto a tutti sarà un momento di incontro e di introduzione a tutta l’offerta prevista dal Cut fino alla prossima estate: verranno presentati i corsi e gli insegnanti coinvolti, i laboratori, i seminari e i tirocini, le attività esterne in collaborazione con i principali enti territoriali, gli spettacoli teatrali e i progetti cinematografici pensati per la chiusura di fine anno.

OFFERTA DIDATTICA – «Ripartiamo con grande entusiasmo – spiega Giorgio Mennoia – e con il preciso intento di realizzare con i nostri allievi prodotti artistici di qualità frutto di intenso studio, impegno e passione». Tutti i corsi riprenderanno ufficialmente il 2 ottobre con alcune importanti novità illustrate durante la presentazione del 25 settembre nella sala di piazza Diamare. Partiranno da subito i corsi di teatro organizzati dal direttore del Cut e sempre distinti in classi di livello per adulti, da quello base a quello professionale. Le lezioni saranno strutturate in quattro turni, dalle ore 15 alle 23, così da riuscire a conciliare le esigenze di tutti gli allievi. Tali corsi saranno integrati da workshop teatrali tenuti dall’attore e regista romano Edoardo Siravo. Dopo i recenti successi del doppio saggio di fine anno 2016/2017 riprenderà da subito anche la scuola di recitazione per bambini. Nuovi insegnamenti saranno, invece, affidati a Nando Citarella, attore e musicista campano presente all’inaugurazione del 25 settembre, che ha costruito la sua carriera partendo dall’amore a dall’analisi delle tradizioni popolari e mediterranee. Sono previste altre collaborazioni eccellenti ad arricchire l’offerta didattica di quest’anno: direttamente dal Teatro della Comunità torneranno per seminari di teatro fisico l’attore Marco di Stefano insieme alla coreografa Tania Khabarova, oltre all’attore e produttore cinetelevisivo Sergio Arcuri. Tutti i corsi di recitazione avranno sia la sezione teatro che cinema e, come accaduto nell’anno precedente, il percorso didattico si chiuderà con la realizzazione di saggi teatrali e cortometraggi. Molto importante in questa preparazione sarà l’apporto professionale di Leda Panaccione e Stefano Imperato, presenze ormai consolidate all’interno del Cut di Cassino. Tornerà inoltre il corso di dizione affidato a Gabriele Sangrigoli e quello di comunicazione verbale, base e avanzato, giunto ormai alla sesta edizione consecutiva.

NOVITÀ – Il corso di regia teatrale rappresenta una delle principali novità della stagione, partirà nelle prossime settimane in parallelo agli insegnamenti teorici di storia del teatro e della regia. Fiore all’occhiello dell’offerta didattica 2017/2018 sarà il corso di organetto tenuto dal musicista Alessandro Parente che svolge attività didattica e di ricerca nell’ambito della sperimentazione timbrica dello strumento, collaborando con grandi artisti e cantautori italiani. Partirà inoltre un nuovo corso intitolato “disABILITÀ in teatro” dedicato non solo a chi è diversamente abile ma anche a chi vuole conoscere e apprendere le tecniche del teatro sociale.

COLLABORAZIONI – «Anche quest’anno lavoreremo in stretta collaborazione con l’Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale con cui è stata da poco rinnovata la convenzione triennale – conferma il responsabile organizzativo del Cut Marco Matteie presenteremo nuovi progetti alla Camera di Commercio di Frosinone dopo il successo estivo delle due giornate di spettacolo dal vivo premiate dall’ente». Riprenderanno le collaborazioni con i principali enti territoriali con lavori sperimentali da realizzare in loco e tirocini esterni per gli allievi del Cut. Verranno riproposti gli appuntamenti aperti al confronto diretto con interpreti e registi di primo piano del panorama artistico nazionale al Teatro Manzoni che accoglierà, ancora una volta, l’intero percorso annuale della “Scuola di Attori” del Cut.

Rispondi